Mi faccio il cappotto da sola. Ma da che parte comincio?

Dicembre alla fine è arrivato un’altra volta. Magari quest’anno evito di tediarvi con le mie riflessioni Grinch Style sui mercatini e le luminarie a Novembre, sulle berrette con la mazzoccola (trad. pon pon) di finta pelliccia e soprattutto mi asterrò dal commentare l’ansia da presepe obbligatorio in scuole, ospedali, stazioni,…

Continua a leggere

Re-esistenze improprie e la tasca a listino

Ritengo che le opinioni personali debbano rimanere all’interno del perimetro delle proprie competenze. Le estenuanti discussioni, dove cercavo di argomentare con un filo di logica delle stanche obiezioni verso ottuse ma granitiche convinzioni, mi hanno ha portato nel tempo ad evitare il confronto con opinioni diverse dalle mie. Non è…

Continua a leggere

L’orlo impostore (aka orlo originale jeans)

Nonostante quanto sostiene la mia prima (ed al momento unica) commentatrice acida, io non sono una sartina. Intanto perché qualsiasi diminutivo non mi si addice per questioni di fatto e comunque mi fa incazzare. E poi perché non sono sarta, non faccio la sarta, non ho studiato da sarta. Io…

Continua a leggere

Un’altra gonna a ruota con cazziatone

E’ cosa molto scontata e anche abbastanza fastidiosa, la convinzione da parte di una generazione (qualsiasi generazione) che quella successiva sia fatta di gente svogliata, senza valori ed ideali mentre invece noi… Beh noi eravamo mediamente dei deficienti un po’ come questi qui e grossomodo come quelli prima. Ma da…

Continua a leggere

Reviviscenza e il nuovo angolo del cucito

Sono giorni e giorni che dovrei scrivere un post. Ne avrei in canna almeno due o tre ma sorprendentemente sono stata distratta da alcune altre attività, più o meno costruttive. Nel mio caso non si può certo dire che si tratti di una novità. Il problema principale consiste innanzitutto nel…

Continua a leggere