Re-esistenze improprie e la tasca a listino

Ritengo che le opinioni personali debbano rimanere all’interno del perimetro delle proprie competenze. Le estenuanti discussioni, dove cercavo di argomentare con un filo di logica delle stanche obiezioni verso ottuse ma granitiche convinzioni, mi hanno ha portato nel tempo ad evitare il confronto con opinioni diverse dalle mie. Non è…

Continua a leggere

Il vestito lungo da spiaggia (o anche no)

il vestito lungo da spiaggia o anche no

Questa estate non mi corrisponde per niente. Piove sempre ed è freddo. E sebbene il tempo atmosferico, seppur orrorifico, non costituisca al momento il mio cruccio peggiore non è neppure di aiuto. Sono andata al lago tre volte. Non c’era anima viva. Ho nuotato nell’acqua gelida, sono stata lì un…

Continua a leggere

La blusa catartica (con le spalle scoperte)

Sono praticamente in apnea del 4 marzo. Ho seguito spoglio, consultazioni, crisi, maratone di Mentana e dibattiti mattinieri della Sardoni. Ho cucito una felpa, due giubbini, 5 magliette, una giacca da uomo, un pantalone e una gonna da un paio di jeans. Per via della postura, soprattutto dell’anima, mi è…

Continua a leggere

La fodera del cappotto. Impossible is possible.

Oramai il cappottino blu di cui vi ho parlato nel mio ultimo post è nell’armadio assieme all’anti-tarme ma avevo ancora una cosa in sospeso con lui: il post sulla fodera. Sì perché sto bastardo di cappotto andava pure foderato, maledizione. Ho provato se non altro a farla più semplice ed…

Continua a leggere

Il cappottino di velluto – non un tutorial

cappottino di velluto

Questa volta l’ho sparata grossa. Mi sono messa in testa di farmi un cappotto. A dire la verità ne avevo tentato uno di Burda un paio di anni fa. Un modello elementare, senza collo e con la spalla scesa, unico dettaglio lievemente più complesso le tasche a filetto. Ma sono…

Continua a leggere