Re-esistenze improprie e la tasca a listino

Ritengo che le opinioni personali debbano rimanere all’interno del perimetro delle proprie competenze. Le estenuanti discussioni, dove cercavo di argomentare con un filo di logica delle stanche obiezioni verso ottuse ma granitiche convinzioni, mi hanno ha portato nel tempo ad evitare il confronto con opinioni diverse dalle mie. Non è…

Continua a leggere

L’orlo impostore (aka orlo originale jeans)

Nonostante quanto sostiene la mia prima (ed al momento unica) commentatrice acida, io non sono una sartina. Intanto perché qualsiasi diminutivo non mi si addice per questioni di fatto e comunque mi fa incazzare. E poi perché non sono sarta, non faccio la sarta, non ho studiato da sarta. Io…

Continua a leggere

Un’altra gonna a ruota con cazziatone

E’ cosa molto scontata e anche abbastanza fastidiosa, la convinzione da parte di una generazione (qualsiasi generazione) che quella successiva sia fatta di gente svogliata, senza valori ed ideali mentre invece noi… Beh noi eravamo mediamente dei deficienti un po’ come questi qui e grossomodo come quelli prima. Ma da…

Continua a leggere

Reviviscenza e il nuovo angolo del cucito

Sono giorni e giorni che dovrei scrivere un post. Ne avrei in canna almeno due o tre ma sorprendentemente sono stata distratta da alcune altre attività, più o meno costruttive. Nel mio caso non si può certo dire che si tratti di una novità. Il problema principale consiste innanzitutto nel…

Continua a leggere

Il completo con la maxi gonna e impressioni di settembre

Gonna lunga

Settembre è arrivato ma somiglia incredibilmente a Novembre. Nel nostro appartamento pieno di lucernari, dove fino ad una settimana fa il sole allo zenit sopra il tavolo della cucina appassiva l’insalata a vista d’occhio, oggi abbiamo le luci accese. La borsa della spiaggia, crema, occhialini e ciabatte, è lì appesa.…

Continua a leggere

Il vestito lungo da spiaggia (o anche no)

il vestito lungo da spiaggia o anche no

Questa estate non mi corrisponde per niente. Piove sempre ed è freddo. E sebbene il tempo atmosferico, seppur orrorifico, non costituisca al momento il mio cruccio peggiore non è neppure di aiuto. Sono andata al lago tre volte. Non c’era anima viva. Ho nuotato nell’acqua gelida, sono stata lì un…

Continua a leggere

La blusa catartica (con le spalle scoperte)

Sono praticamente in apnea del 4 marzo. Ho seguito spoglio, consultazioni, crisi, maratone di Mentana e dibattiti mattinieri della Sardoni. Ho cucito una felpa, due giubbini, 5 magliette, una giacca da uomo, un pantalone e una gonna da un paio di jeans. Per via della postura, soprattutto dell’anima, mi è…

Continua a leggere

La fodera del cappotto. Impossible is possible.

Oramai il cappottino blu di cui vi ho parlato nel mio ultimo post è nell’armadio assieme all’anti-tarme ma avevo ancora una cosa in sospeso con lui: il post sulla fodera. Sì perché sto bastardo di cappotto andava pure foderato, maledizione. Ho provato se non altro a farla più semplice ed…

Continua a leggere