Ciao  ,


dopo aver tergiversato nelle precedenti newsletter, oggi torniamo a bomba sul cucito perchè voglio condividere con te due risorse che ho appena scoperto. Daltronde mi chiamano Scrigno, perchè so tenere i segreti.


Stavo cercando idee per un cappottino primaverile di velluto e, navigando nel tempio dell’ispirazione, nel gotha delle idee, nel paradiso del tempo perso: Pinterest, ho trovato un paio di modelli che mi hanno portato con mia massima sorpresa non su Zalando bensì su due siti (in inglese) di vendita di cartamodelli che, incredibilmente, ancora non conoscevo.


Il primo sito che ti voglio raccontare è angelakane.com

Questo sito offre una trentina di modelli tra quelli molto basic ed altri un po’ più particolari, in 9 taglie (americane) che sono corredati da istruzioni e videotutorial per i dettagli più complessi. Il sito offre anche un videocorso di cucito per principianti.

Tutto il materiale è disponibile con un abbonamento di circa 45 euro all’anno  (15 negli anni successivi) e permette il libero accesso a tutte le risorse del sito: cartamodelli, video e e-book.

In alternativa i singoli cartamodelli costano da 5 a 12 dollari. Non proprio gratuiti, ma l’ampia documentazione a corredo ne fanno un valido aiuto per cominciare a cucire “sul serio” tentando alcune tecniche un po’ più avanzate con il paracadute del videotutorial. Vedete se i modelli proposti vi piacciono.



Invece Lekala.co è una vera e propria rivelazione. Intanto i modelli costano attorno ai tre euro l’uno e questo di per se basterebbe. Ma la genialità sta nel fatto che il cartamodello viene personalizzato (giuro) in base alle proprie misure. Io ho stampato il mio cappottino con i miei 27cm di differenza tra vita e fianchi e ho lasciato al software l’ingrato compito di tracciare la curva del fianco.

I cartamodelli sono royalty free e si possono quindi utilizzare per capi destinati alla vendita.

In fase di stampa è possibile selezionare il formato del file e della carta (metti che una non abbia cazzi di stare inginocchiata per terra per delle mezze giornate con lo scotch in mano a incollare i fogli e preferisca scaricare un foglione intero da farsi stampare in tipografia..)

I modelli sono veramente molti e navigabili per destinatario, per livello di difficoltà, per tipo di tessuto. Le istruzioni allegate al cartamodello (che si possono consultare anche prima di scaricarlo, giusto per farsi un’idea) sono essenziali.


Quando mi imbatto in qualche passaggio un poco più complesso dell’unire e dell’orlare come le tasche, i colli, le allacciature etc mi affido a questo libro di Burda che finora non mi ha mai deluso. Anche se ho trovato altri testi più chiari o con le illustrazioni fatte meglio, questo è senza dubbio il più completo che ho trovato parlandi di tecniche di confezione. Ce l’ho sempre a portata di mano.


 

 


Ecco, se voi questi siti li conoscevate già e sono io ad aver scoperto l’acqua calda non abbiate pietà e scrivetemelo a [email protected]. Altre risorse gratuite ma un po’ meno raffinate le trovate raccolte nell’ormai vecchissimo post: Vi svelo le mie fonti, nei commenti che ne sono altre segnalate da alcune di voi. Naturalmente sentitevi libere di integrarle con le vostre preferite.

Sew you soon.

Ricevi questa mail perchè ti sei iscritta al blog produzionimproprie.com. Se vuoi disiscriverti utilizza il link qui sotto ma sappi che mi spezzerai il cuore. Non rispondere a questa mail perché non ho idea di dove finiscano. Se hai qualcosa da dirmi scivimi a [email protected] oppure cercami su Facebook (rispondo sempre ma con calma).
Sew you soon.
Google+ Instagram
produzionimproprie.com

Tutti i diritti sono riservati.
Cancellati    |    Guarda questa e-mail sul tuo browser