Gli uomini sono quadrati: cartamodello per il busto base uomo

So a cosa state pensando ragazze ma avete interpretato male. Qui non si parla dei vostri mariti che non trovano mai niente, che non capiscono mai le allusioni e che chiedono dieci volte la stessa cosa.. Qui si parla di modellistica sartoriale e di magliette. I vostri mariti sono salvi, per questa volta.

base uomo

Il discorso qui è un altro. Siamo tutte d’accordo che per creare in casa i propri vestiti, salvo doti naturali eccezionali, è indispensabile avere un modello da utilizzare come base di partenza.

Qui di solito utilizziamo una maglietta che vesta aderente, ne copiamo gli elementi tecnici più complessi (spalle, scalvo maniche..) e poi facciamo le varie modifiche. Questo metodo ha il pregio di non richiedere alcuna competenza di modellismo e da dei buoni risultati su stoffe morbide ed elastiche ma sconta purtroppo dei limiti di vestibilità sui tessuti più sostenuti. Infatti la mia fantastica blusa mi tira un poco sullo scollo dietro mentre alcune magliette fatte per il Nano hanno la forma della spalla troppo squadrata per un indumento sportivo.

Ecco, la perfezione non è mai stata una condizione che abbia mai perseguito nelle mie scelte di vita… altrimenti ci sarebbero cose più urgenti da risolvere rispetto alle spalle delle magliette. Tuttavia, un graduale miglioramento è cosa maggiormente alla mia portata. Pertanto mi sto lanciando nello studio dei cartamodelli base per fare un salto di qualità e permettermi così di ampliare un pochino il repertorio dalle giacche tonde e le gonne quadrate.

Ovviamente c’è sempre la possibilità di utilizzare i cartamodelli pronti (a pagamento o scaricabili gratuitamente) ma questo funziona, esattamente come per i vestiti acquistati in negozio, se avete una corporatura regolare e proporzionata, e se siete anche magre è anche meglio, altrimenti è una battaglia persa in partenza. Esistono comunque dei libri molto belli che insegnano come apportare le modifiche ai cartamodelli pronti sulla base delle particolarità del proprio corpo e ne parleremo.

Come capirete la questione non è semplice e la costruzione del corpino base (su cui poi sbizzarrirsi) richiede nella migliore delle ipotesi un libro fatto bene, meglio ancora un corso valido, carta e squadre e del tempo libero. Tutte risorse non proprio immediate.

E qui arriviamo finalmente al titolo di questo post. Gli uomini sono quadrati, non per le ragioni sopra esposte (o anche sì) bensì per il fatto oggettivo che non hanno le tette (perlomeno la maggioranza di loro). Ne consegue che la creazione del cartamodello del busto non debba includere stratagemmi geometrici per vestire le rotondità. Si tratta fondamentalmente di disegnare un rettangolo con i buchi per la testa e le braccia.

Stante così le cose ho voluto fare un esperimento partendo dalla base uomo che è più semplice ed ora vi metto a parte dell’intero processo produttivo di una maglietta con collo alla coreana per l’Uomoquadratodellamiavita dalla costruzione del cartamodello alla confezione. Non si tratta di un tutorial ma di un semplice esempio, se volete sarò felice di leggere i vostri pareri.

Disegno e taglio della base uomo

Per prima cosa ho costruito il cartamodello del busto base uomo e della manica utilizzando il videotutorial di Natasha Cuffaro di Indossalatuaidea (http://www.indossalatuaidea.it/) e quello del colletto sulla base di uno schema tutto reperibile ai seguenti link:

  1. Tutorial: Cartamodello base uomo https://youtu.be/YScTaRoQKh8
  2. Tutorial: Cartamodello manica base https://youtu.be/374n-RzQ9nw
  3. Schema costruzione colletto http://studiomanie.blogspot.it/2014/05/regola-per-costruire-il-colletto-alla.html

disegno e taglio t-shirt

Ho tagliato i pezzi in doppio considerando 1,5 cm per le cuciture laterali e le spalle, un 1 cm scollo e giromanica e 2 cm per l’orlo. Ho fatto, con estrema fatica, attenzione a non sballare le righe.

Confezione maglietta con collo alla coreana

Per prima cosa ho unito le spalle con una cucitura ribattuta. Dopodiché ho unito le maniche “a piatto” con una cucitura semplice rifinita con la tagliacuci ed infine ho unito i sottomanica ed i fianchi con una cucitura ribattuta.

confezione manica e spalla

Ho confezionato una paramontura rettangolare che ho rinforzato con la teletta adesiva e rifinita con la tagliacuci, l’ho appuntata sul davanti dello scollo, diritto contro diritto ed ho segnato una linea centrale lunga 10 cm. Ho cucito attorno a questa linea, e ho tagliato lungo la linea allargandomi in due spacchetti. Infine poi ho rivoltato la paramontura verso l’interno e ho rifinito con una impuntura.

Poi ho tagliato il colletto due volte nella stoffa ed una nella teletta termoadesiva che ho applicato su un lato dei colletti. Ho unito le due parti dritto contro dritto, rivoltato e fatto una impuntura.

disegno colletto alla coreana

Infine ho unito il collo alla maglietta appuntando il lato senza rinforzo dritto su dritto alla maglietta, ho cucito e poi ho unito anche l’altro lato dello scolo ripiegando i margini di cucitura verso l’interno.

colletto alla coreana

Infine ho orlato maniche e fondo con l’ago doppio.

Questo è il risultato.

Pieno di difetti di confezione, come al solito, ma un po’ meno approssimativo.

maglietta uomo

L’Uomodellamiavita (che trova questo post estremamente sessista e si dissocia) in fondo non è affatto quadrato tant’è che apprezza e indossa lo stesso.

Sew you soon.

2 commenti

  1. Liliana Colli

    Brava,brava!!! Anche io ho arrabattato dei modelli per il mio quadrato grande e anche lui si accontenta facilmente, mentre per il mio quadrato ne giovane palestrato, pignolo ed esigente come pochi, ho dovuto dare il meglio di me. Ora mi concentro sui modelli base, ne ho disegnati almeno 10 e non sono ancora soddisfatta. Ma essendo mezzo architetto mi piace avere a che fare con squadre e righe… Meno con il goniometro della Gilewska! E tu sei molto più brava e precisa di quanto pensi. Io vado sempre troppo in fretta! Grazie per il tuo articolo, a presto!

Che ne pensi?