Il dolcevita clonato e il Varano di Komodo

Oggi nonostante un fottutissimo mal di testa dovuto al fatto che sono immotivatamente sveglia dalle 4 e mezza e malgrado un vorticoso giramento di palle, dovuto ad accadimenti di cui non vi posso purtroppo dare troppi dettagli (ma vi assicuro che sareste d’accordo con me su tutta la linea e vi incazzereste come un varano di Komodo pure voi) sono qui giuliva e loquace, con un brillantissimo sorriso plastificato a scrivere il post. Perché la vita continua, e pure il blog e perché le cose che danno soddisfazione non vanno trascurate a vantaggio dei cagacazzi. Sostiene produzionimproprie.

Pertanto vi propongo oggi un tutorial di cucito facile e senza fronzoli, che non è tempo di virtuosismi, pare. Facciamo un maglione dolcevita (o lupetto, se preferite) in pile per uomo. Lo facciamo copiandolo da un maglione che abbiamo già.

Io uso spesso la tecnica del clone anche quando dispongo di un cartamodello base. Alterno le due procedure in base un po’ all’umore, un po’ a tempo a disposizione e al tessuto che ho. Se preferite fare le cose in maniera più istituzionale potete creare il modello base da uomo e basarvi su quello. Se vi servono indicazioni date un’occhiata a questo post dal titolo pacato Gli uomini sono quadrati dove ho raccolto delle tecniche di modellistica molto, ma molto accessibile.

Disegno del pile dolcevita

La tecnica del clone la conoscete già. Il soggetto da clonare va rovesciato come un calzino, poggiato sulla stoffa e sostanzialmente ricalcato nelle sue parti principali, con poche ma essenziali attenzioni.

disegno dolcevita

Tenete conto di margini di cucitura e di orli.

pile dolcevita

Osservate quelle linee che sono diverse da davanti e dietro: lo scollo ovviamente e lo scalvo manica. Come, di conseguenza la testa della manica.

Non serve disegnare il davanti e il dietro separatamente, si può fare sulla stoffa piegata in 4. Tracciate prima le linee del dietro, poi girate la maglietta e ricalcate le linee relative al davanti.

scalvo manica

Inizialmente tagliate le linee relative al dietro, che sono più esterne.

modello

Poi separate le due parti del busto e sagomate il pezzo “scritto” con le forme del davanti. Stessa cosa con la manica.

Il collo va misurato sulla base della dimensione totale dello scollo davanti e dietro, con altezza doppia rispetto a quella desiderata. Unite le estremità e piegatelo in due.

Confezione del pile dolcevita

La tecnica di confezione è senza fronzoli, in linea che lo spirito del progetto: direttamente alla tagliacuci unisco le spalle, applico il collo, unisco le maniche aperte e poi chiudo i fianchi dal polso fino all’orlo inferiore. Sempre con la tagliacuci rifinisco i margini del bordo inferiore e delle maniche e con la macchina da cucire montando l’ago doppio eseguo un orlo semplice.

Il dolcevita che abbiamo fatto è in pile ma potrebbe essere di maglina, che magari è pure meglio.

La procedura che vi ho descritto si può fare con modelli semplici e tessuti collaborativi. E’ tutto tranne che precisa, istituzionale, sartoriale… Ma va bene, se per voi va bene.

collo lupetto

Con lo stesso scampolo e la stessa tecnica ne ho fatto uno anche per il Nano così i miei uomini vanno in giro vestiti uguali come se non si somigliassero già abbastanza.

.

2 commenti

  1. Complimenti…una bella tecnica. Anche l’idea della stoffa in quattro per davanti e dietro accorcia tantissimo i tempi.

  2. Bellissimo il tuo blog, l’ho scoperto da poco ma non lo lascio più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *